Catalizzatori

La Divisione Catalizzatori di Chimet S.p.A. produce catalizzatori a base di metalli del gruppo del platino (PGM) ed è in grado di fornire l’intero “loop service”: dalla fabbricazione del catalizzatore fresco al recupero del catalizzatore esausto.

I nostri catalizzatori a base di PGM hanno diverse applicazioni in processi chimici come l'idrogenazione di intermedi organici, la purificazione dell'acido tereftalico e la sintesi di acqua ossigenata, ma anche in applicazioni ambientali come la rimozione di composti organici volatili (VOC) tramite ossidazione catalitica. In particolare, l'idrogenazione di intermedi organici riguarda la produzione di principi attivi farmaceutici (API), prodotti della chimica fine (antiossidanti, polimeri, ecc), aromi e fragranze, e nella produzione di composti chimici da fonti rinnovabili (acidi grassi, zuccheri, ecc). Per tutte queste applicazioni, Chimet è in grado di fornire specifici catalizzatori a base di PGM.
Per ogni tipo di reazione / gruppo funzionale, ciascun PGM (Palladio, Platino, Rodio e Rutenio) presenta uno specifico comportamento catalitico. Un metallo è scelto per la sua capacità di promuovere la reazione desiderata, ma anche la sua incapacità di promuovere la reazione indesiderata. Per esempio, nei processi di idrogenazione, il comportamento catalitico dei PGM è il seguente:
Il Palladio è il più versatile dei PGM. Solitamente, è il metallo preferito per l'idrogenazione di alchini, alcheni, carbonili in aldeidi e chetoni aromatici, nitrocomposti, come pure per alchilazione riduttiva, idrogenolisi e idrodealogenazione.
Il Platino è in genere preferito per l'idrogenazione di alcheni, carbonili alifatici, nitrogruppi, anelli aromatici, anelli piridinici, come pure per alchilazione riduttiva e idrogenazione selettiva di nitrogruppi aromatici recanti gruppi alogeni.
Il Rodio viene utilizzato per l'idrogenazione di anelli aromatici carbociclici ed eterociclici ed alcheni.
Il Rutenio viene utilizzato per l'idrogenazione (ad alta pressione) di anelli aromatici e carbonili alifatici.
Catalizzatori a base di PGM misti, disponibili su richiesta, possono offrire benefici ulteriori sia per quanto riguarda l'attività che per la selettività.
I catalizzatori sono costituiti dai PGM sopra menzionati dispersi in forma di nanoparticelle su specifici supporti porosi. I supporti disponibili sono: carbone attivo, allumina, silica-allumina, carburo di silicio, carbonato di calcio, solfato di bario, ecc; tutti disponibili in forma di polvere o pellets di diversa morfologia. Sono disponibili anche catalizzatori non supportati (ossidi di palladio e platino, ecc), come pure i sali e composti metallici (cloruro di palladio, acetato di palladio, ecc) che trovano impiego nella catalisi omogenea. Catalizzatori "Tailor made" sono prodotti su richiesta in base alle specifiche esigenze del cliente.
La disponibilità di oltre 30 differenti analisi di caratterizzazione e test, sviluppate attraverso intense collaborazioni con Università e Istituti di Ricerca, rafforza le capacità e competenze del nostro reparto R & D. Il nostro supporto tecnico è a completa disposizione dei clienti durante lo sviluppo di un processo di sintesi, attraverso la fornitura di know-how e mettendo a disposizione le nostre strutture per test catalitici in scala di laboratorio e semi-pilota. Il nostro gruppo di specialisti è a disposizione anche per l’assistenza tecnica in loco.
 
Tutta la produzione ed i servizi sono certificati ISO 9001 e ISO 14001.
 
Chimet Catalyst Kit scarica la brochure
 

Le emissioni

Gli impianti di trattamento delle emissioni in atmosfera, utilizzati presso il sito Chimet S.p.A. di Badia al Pino, rispettano le Migliori Tecniche Disponibili (Best Available Techniques) definite dall’Unione Europea per i diversi settori di attività industriale. 

Il monitoraggio in continuo delle emissioni è effettuato secondo un protocollo concordato con ARPAT che è parte integrante dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale). I dati sono resi disponibili al pubblico e trasmessi ad ARPAT con frequenza quindicinale.

dettagli

 

Chi lo ha detto?

"..il sistema della discarica, controllato e gestito nel rispetto assoluto delle norme e dell'impatto ambientale, rappresenta comunque uno spreco di territorio ed un onere economico ragguardevole per le generazioni future.."
Livio Giannotti, Amministratore Delegato Quadrifoglio Spa

Lo sapevi?